Nella giornata di sabato sul percorso della Rally Due Valli Arena, in collaborazione con l’ULSS9 di Verona alcuni ragazzi diversamente abili affronteranno dei giri di pista con piloti professionisti.

VERONA, 22.09.2017 – Non solo rally al Rally Due Valli 2017. L’appuntamento che decreterà il Campione Italiano Rally 2017, il Campione Italiano Rally Auto Storiche 2017 e potrebbe mettere già l’ipoteca sul Trofeo Tre Regioni di Regolarità Sport, si apre anche al sociale. Lo farà con “Rally Therapy – A bordo di un sogno”, un’iniziativa studiata proprio per questa edizione.
Grazie alla collaborazione con l’ULSS9 di Verona, e con il supporto del Comune di Verona, Assessorato ai Servizi Sociali, nella giornata di sabato 14 ottobre, alla Rally Due Valli Arena, sul percorso della “Città di Verona”, la Super Prova Spettacolo di apertura e PS8 del sabato, alcuni ragazzi e ragazze diversamente abili potranno provare l’ebbrezza del rally.

I fortunati che potranno sperimentare questa emozione, selezionati e proposti dall’Unità Locale Socio Sanitaria, saliranno a bordo di vetture da rally guidate da piloti di comprovata esperienza per un paio di giri del percorso studiato dal team tecnico dell’Automobile Club Verona.

«Abbiamo pensato a questa iniziativa» ha detto il Presidente dell’Automobile Club Verona Adriano Baso, «perché anche il rally, così come tutte le altre discipline sportive, hanno un alto valore terapeutico e ludico che spesso passa in secondo piano e viene considerato alla portata di pochi. Grazie al positivo ed entusiasta accoglimento dell’ULSS 9 di questa proposta, siamo molto contenti di poter regalare questa emozione anche a chi non è probabilmente mai saluto su una vettura da competizione».

«Sono tante le iniziative che uniscono il mondo del motorsport a quello sociale e terapeutico» ha aggiunto il Direttore dell’AC Verona Riccardo Cuomo. «Penso ad esempio al Progetto M.I.T.E. che accogliamo ogni anni al Due Valli, che permette a persone ipovedenti di correre la Regolarità Sport come navigatori grazie a radar tradotti in braille. Rally Therapy – A bordo di un sogno va nella stessa identica direzione, quella di creare inclusione anche in un mondo, quello del motorsport, che tende a presentarsi chiuso verso questo tipo di esperienze. Siamo molto soddisfatti di questa iniziativa e speriamo davvero che possa regalare un sogno a più di qualcuno».

«Integrare le persone diversamente abili» ha dichiarato Pietro Girardi, Direttore Generale dell’Ulss 9 «è una sfida continua. In questo caso si può proprio dire che si è attivato un “percorso inclusivo” davvero entusiasmante, dal grande valore terapeutico oltre che ludico. Una iniziativa che come Ulss 9 abbiamo accolto con entusiasmo. Un plauso dunque all’Automobile Club di Verona e agli organizzatori del Due Valli che ai nostri ragazzi offrono una ebbrezza che per loro sarà indimenticabile».

Nella foto, da sinistra: Claudio Capitini (Uff. Stampa ULSS9), Raffaele Grottola (Servizi Sociali ULSS9), Amedeo Portacci (Aci Gest Srl).
Foto Ennevi.